Lettere dall'inferno - la resistenza disarmata

Lettere dall'inferno - la resistenza disarmata

Attraverso le lettere scritte ai genitori e ai documenti richiesti a diversi enti sono state ricostruite le vicissitudini di quattro dei 650.000 militari italiani che, all’armistizio del 1943, sono finiti nei terribili campi di prigionia del III Reich.

Maggiori dettagli


16,50 € tasse incl.

Cavallari Rita

Disponibilità: in magazzino

36 articoli non disponibili

Attraverso le lettere scritte ai genitori e ai documenti richiesti a diversi enti sono state ricostruite le vicissitudini di quattro dei 650.000 militari italiani che, all’armistizio del 1943, sono finiti nei terribili campi di prigionia del III Reich.Considerati da Hitler non come prigionieri diguerra ma come IMI, cioè: internati militari italiani, non godevano della tutela della Convenzione di Ginevra e lasciati anche da Mussolini (dimentico della propria responsabilità) alla mercé dei nazisti, che inflissero loro nefandezze di ogni genere definendoli traditori,neanche avessero firmato personalmente la resa italiana. Per il coraggio dimostrato a non aderire alla Repubblica di Salò che avrebbe risparmiato 20 mesi di: fame, freddo e paura, la loro è stata definita: “Resistenza disarmata”.


Rita Cavallari nella stessa collana ha scritto:La Leopoldina era la nostra casa (2009)

  • Larghezza 210 MM
  • Altezza 145 MM
  • Pagine 166